Posta elettronica: efficace, ma…

I criminali informatici tentano di infettare i computer tramite software dannosi (malware) o di carpire informazioni per posta
elettronica. Ogni mese il fornitore centrale di servizi informatici della Confederazione elimina milioni di e-mail con contenuti dannosi.
Questo non esclude a priori il rischio di ricevere e-mail indesiderate.
Se temete di aver ricevuto un’email infettata, contattate immediatamente l’helpdesk.

  1. Non utilizzate l’indirizzo di posta elettronica professionale per scopi privati.
  2. Guardate attentamente i link e gli allegati delle e-mail. Se non siete sicuri della loro provenienza, chiedete informazioni al mittente per telefono.
  3. Cancellate subito (tasti Shift+Delete) le e-mail dal contenuto sospetto, inviate da mittenti sconosciuti o con una formulazione insolita nell’oggetto.
  4. Inviate dati sensibili utilizzando servizi che offrono lo scambio sicuro di dati (crittografi a e/o fi rma digitale) in modo da proteggere le e-mail durante la trasmissione e identificare in modo univoco il mittente.

Informazioni complementari

Indirizzo e-mail professionale

Comunicate il vostro indirizzo e-mail soltanto in casi specifici. Non utilizzate l‘indirizzo e-mail professionale per scopi privati (concorsi, ordinazioni, newsletter, social network).

Se i dati passano per un gestore esterno possono essere utilizzati in modo improprio, ad esempio a scopo di ricatto. 

 

Nessuna password nelle e-mail

Non rendete mai note informazioni riguardanti i diritti d‘accesso (password). 

https://www.isb.admin.ch/content/isb/it/home/themen/sicherheit/informationssicherheit/umgang_e_mails.html